Archivi del mese: giugno 2012

AIESEC: scambi culturali in 110 paesi

Come promesso nella mia About page, ecco qualche informazione su AIESEC, l’associazione studentesca di cui sono entrata a far parte alla fine di quest’anno accademico.

Ho sentito parlare di AIESEC (Association Internationale des Etudiants Sciences, Economiques et Commerciales, che accetta però studenti da qualsiasi facoltà)  per la prima volta tramite un amico. All’inizio mi sembrava soltanto un’associazione per spocchiosi studenti d’economia (quelli della mia università sono celebri per il vantarsi del loro status) , ma quando ho sentito parlare di cosa faceva effettivamente AIESEC mi sono subito interessata. Continua a leggere

Traslocare a Londra

Ci siamo, mi tocca proprio raccontarvelo. Sono tornata a casa per l’estate: sono di nuovo in Italia. In realtà c’ero già dal 9 giugno, e se è vero che il sole, il mare e la madrepatria mi mancavano, ora sento una nostalgia pazzesca di Londra. Ma non temete: ho ancora qualcosa in serbo per questo blog!

Una volta finiti tutti i lavori richiesti dall’università, mi è toccato salutare tutti e lasciare Londra per tornare alla terra madre. Non è stato facile, sia dal punto di vista emotivo che da quello logistico. Ecco a voi qualche consiglio sul come traslocare. Continua a leggere

Colazione a Islington:J&A

Islington non manca di certo di posti in cui fare colazione, ma se c’è un caffè dove vi consiglio di andare è J&A a Clerkenwell Road. 

J&A è un intimo bar di Clerkenwell Road,talmente piccolo e nascosto che potreste non vederlo. Continua a leggere

A caccia di casa a Londra – parte 2

Vi avevo lasciato disperata, alla ricerca di una casa dove stare il prossimo anno dopo una serie di rifiuti e viewings disastrosi. Non temete: da quei giorni le mie sorti si sono risollevate!

Dopo aver visto quel primo appartamento, io e le mie amiche non ci siamo date per vinte e abbiamo continuato a chiamare gli agenti immobiliari. Qualche settimana dopo siamo riuscite a prenotare un altro viewing, questa volta vicino a King’s Cross. La descrizione sembrava perfetta: a soli 20 minuti di camminata dall’Università, la casa si trovava in un adorabile quartiere praticamente attaccato all’enorme stazione e rientrava nel nostro budget.

Avevamo parlato troppo presto. Il quartiere era si a 20 minuti a piedi dall’università, ed era si adorabile. E si, il palazzo aveva la vista su King’s Cross. Il problema è che quando siamo arrivate ci siamo trovate la polizia dentro, che urlava contro un residente minacciandolo di portarselo in commissariato. Continua a leggere

Brixton Market

Londra rivaluta e rimoderna ogni sua zona. La curiosità verso questo “trend” mi ha da poco portata a Brixton Market.

Brixton si può raggiungere con la velocissima Victoria Line della metropolitana, di cui è il capolinea. Brixton è la dimora della vivace comunità Afro-Caraibica della capitale britannica. I suoi prezzi sono buoni e i suoi ristoranti valgono la pena di essere visti e provati.

Continua a leggere

C Magazine: ecco a voi la nostra rivista

Cari amici, dopo secoli finalmente ho una vera e propria rivista da presentarvi. E’ stata pubblicata oggi ed è una rivista online, che potrete scaricare e leggere. E’ il risultato di mesi di duro lavoro fatto da me e da alcune mie compagne, ed è in inglese. Ecco a voi il nostro C Magazine!

Diamond Jubilee: 60 anni con la Regina Elisabetta

Sotto la pioggia battente, con quindici gradi e col vento che ti penetra nelle ossa: così Londra passa il Diamond Jubilee, l’anniversario dei 60 anni di regno della Regina Elisabetta. Eppure, nonostante il tempo pessimo, migliaia di persone, Londinesi e non, si sono accalcate lungo il fiume per vedere il passaggio della nave reale. Continua a leggere

Damien Hirst alla Tate Modern

Se vi piacciono gli artisti controversi, allora la Tate Modern Gallery di Londra ha quello che fa per voi: il celebre artista inglese Damien Hirst, conosciuto per il suo “gusto dell’orrido”.

La mostra di Damien Hirst sarà aperta fino al 9 settembre ed è un’interessante alternativa ai soliti musei: Hirst porta l’arte moderna ad un livello superiore. Al contrario di tutto ciò che troverete alla Tate e come le altre mostre temporanee, per vedere Damien Hirst si paga. Il biglietto costa 15 sterline, ma diventando membri della Tate (a £60 l’anno) potrete vederlo gratis. Continua a leggere