Sherlock, stagione 3

Per dirla come l’immensa promozione che la BBC ha fatto per la terza stagione, SHERLOCK E’VIVO! Eccovi la recensione dell’inizio della Stagione 3 – SPOILER ALERT.

Benedict Cumberbatch and Martin Freeman in Sherlock

Benedict Cumberbatch and Martin Freeman in Sherlock

Sherlock, The Empty Hearse (Il carro funebre vuoto), è iniziato al cardiopalma, con – o almeno così sembrava – la rivelazione di come il detective aveva finto la sua morte: Benedict Cumberbatch si lancia dal tetto del St Bart’s Hospital, guardando John Watson  (Martin Freeman) mentre i suoi uomini portano via il cadavere di Moriarty.  Scalpelli mettono al corpo senza vita di Moriarty la maschera di Sherlock e lo lanciano per strada.

Il detective invece salta col bunjee jumping per risalire fino ad una finestra che rompe in mille pezzi, per poi baciare la sempre trascurata Molly (Louise Brealey) e fuggire via. Fuori invece Watson viene ipnotizzato per permettere agli scagnozzi di Sherlock di sistemare a dovere il finto cadavere del detective.

E invece no. Questa è solo una delle esilaranti versioni che i fan scatenati della serie hanno ideato su Tumblr e che i creatori, Mark Gatiss e Steven Moffat, si sono divertiti a ricreare nell’episodio. La seconda esilarante teoria ve la lascio come sorpresa.

Sherlock viene riportato a Londra da Mycroft per sventare un attentato terroristico, ma il suo problema principale è ri-reclutare il suo compagno di avventure, John… che lo riempie di pugni dopo la sua ricomparsa in scena, vestito da cameriere francese con baffetti disegnati.


Mark Gatiss – Mycroft Holmes in Sherlock

Seguono una serie di equivoci: gli orribili baffi di John, l’ennesimo equivoco sulla sua presunta omosessualità e la comparsa di  Mary Morstan (la vera ragazza di Freeman, Amanda Abbington), la fidanzata di John.  

Amanda Abbington – la ragazza di Watson

The Empty Hearse è stato il trionfo della commedia, degli equivoci e soprattutto dell’amicizia fra Holmes e Watson. Ci ha anche rivelato, anche se solo dagli occhi, il nuovo cattivo della stagione.


Watson (Martin Freeman)

L’episodio due – The Sign Of Three (Il Segno dei Tre) – è esilarante ed intelligente nella vecchia tradizione di Sherlock: ancora meglio di The Empty Hearse, sfrutta gli equivoci che nascono dall’incapacità di Sherlock di fare il discorso da testimone di nozze. Non vi rovinerò la festa, ma si tratta forse di uno degli episodi più brillanti della serie.904485_690239940996427_659926831_o

Le chicche sono Sherlock che fa il terzo grado a tutti gli invitati, o Sherlock e Watson che si ubriacano terribilmente all’addio al celibato per poi tentare di risolvere un caso ubriachi (vedasi le tipiche scritte che ci informano sui progressi investigativi di Sherlock trasformate in ovvie deduzioni del tipo: “Sedia. Pelle. Sedersi. SONNOOOOOO!”).

Stay tuned per una recensione del finale di stagione!

Foto di: The Daily Telegraph e BBC1

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...