Archivi tag: Halloween

Halloween 2013 a Londra

Poche città al mondo festeggiano Halloween come Londra. Eccovi il resoconto degli eventi migliori di quest’anno.1005352_596834020375793_1675750355_n Continua a leggere

Shining al BFI di Londra

Ladies and Gentlemen, Shining è tornato sul grande schermo qui in Inghilterra! Il BFI Southbank ha colto l’occasione per celebrare Halloween con uno dei film horror più celebri della storia, il capolavoro di Stanley Kubrick in versione integrale. Per gli Italiani che passano a Londra, sappiate che la versione integrale non è che quella che noi conosciamo già: qui in Inghilterra alcune scene erano state tagliate. Ma rivedere questo capolavoro al cinema è un’occasione da non perdere: L’audio cinematografico e la qualità fantastica del grande schermo inglese rendono l’esperienza irripetibile. Enjoy!

Halloween in the UK

Halloween è appena passato e questa settimana non mi sono certo risparmiata i festeggiamenti.

Come vi ho già detto, i festeggiamenti qui a Londra sono iniziati già dallo scorso weekend, col Belle Epoque Party al Village Underground di Shoreditch. Lunedì invece è stata la volta di un AIESEC boat party sul Tamigi (con 6 gradi e tanta bella pioggia), per il quale mi sono vestita da Mercoledì Addams. Continua a leggere

Da Halloween a Natale, qui a Londra si fa in fretta!!!

Wow, adesso si che mi sento in the U.K.!!!! In quest’ultima settimana, nonostante la reading week ( il che vuol dire, vi ricordo, NIENTE lectures) ne son successe di tutti i colori.

Da quando il mio “weekend” di 11 giorni è iniziato ho avuto due belle feste alla Skins. Se non avete visto il telefilm, beh, questo vuol dire feste in appartamenti con gente talmente ubriaca da non sapere neanche come si chiama. Mercoledì, il giorno riservato alla Journalism night (perché il nostro weekend inizia il mercoledì!) , abbiamo fatto una gran bella festa nell’appartamento di una mia amica qui a Liberty Court e… beh, diciamo che abbiamo dovuto raccogliere parecchie persone! E’ stata una festa divertentissima, di quelle in cui hai il tempo sia per le confidenze con le amiche sia per l’alcool. Qui giocano tutti a Ring of Fire: il gioco si basa sul pescare carte e fare penitenze secondo una filastrocca. Il problema è che le penitenze sono tutte uguali: devi bere. Quindi nel giro di un’ora sono tutti ubriachi. Per non parlare dello schifo e della pietà per la persona che deve bere da un pentolino in cui tutti i drink dei partecipanti sono stati mischiati. Pulire alle tre di notte non è stato facile!!!

Il giorno dopo avevo un compleanno, che è iniziato come sempre in un appartamento con tanto da bere e si è concluso in giro per il centro di Londra in cerca di un posto dove andare. Infatti, dopo essere andati all’esclusivo 100 Club (I Metallica e Alice Cooper ci hanno suonato!!!) abbiamo cercato una discoteca, ma siamo state sfortunate. In effetti, la vita notturna di Londra lascia un po’ a desiderare: scordatevi chiusure alle 6 del mattino, per ora la discoteca che chiudeva più tardi è stata il Tiger Tiger, che ci ha buttati fuori alle 3. Il divertimento più grande è quindi nei pub o nelle halls of residence, tra amici: ho passato il mio venerdì notte in camera di una mia amica a fare foto idiote e a guardare i Griffin. Le girls’ nights, serate tra ragazze, sono fantastiche: ti tirano sempre su di morale e di solito non fai tardi, il che va bene se, come me, hai miriadi di cose da fare. Continua a leggere

Alice Cooper’s Halloween Night of Fear

Salve gente!!!! …Ho per caso già detto che amo questo posto? Mi sento al centro del mondo: domani (o oggi?) è Halloween e ho solo l’imbarazzo della scelta per dove andare. Sopratutto, amo questo posto perché mi ha dato la possibilità di vedere il mio cantante preferito da tanti anni ormai: quel mostro sacro, il re dello shock rock, Alice Cooper.

Esiste un modo migliore di prepararsi per Halloween che andare a vedere l’Alice Cooper’s Halloween Night of Fear? Per me, fan sfegatata di Alice e da sempre amante del sangue, no di certo. Quando quest’estate ho saputo di quest’occasione mi son detta:”Devo andarci”. E, come da copione, l’ho fatto. Non è stato facile, prima di tutto perché non avevo nessuno con cui andarci e dovevo avventurarmi di notte in una zona che non conoscevo; in più, il biglietto costava la bellezza di 41 sterline. Ma il concerto è valso tutto questo e molto di più! Continua a leggere

Settimana turistica: Leicester Square, Covent Garden, Chinatown

Salve gente! Un’altra settimana è passata e io mi sento sempre più a casa: AMO questo posto. Anche se non sipuò dire di certo che sto qui a poltrire: nonostante abbia soltanto 3 giorni di lezione a settimana, il lavoro che ho da fare è parecchio. Leggere molti libri e giornali, scrivere di qua e di là, fare ricerche… But I like it!

La mia settimana è iniziata in modo piuttosto eccitante: i miei professori ci stanno facendo fare un remake di “Question Time”, uno dei talk show più popolari di BBC1. Il programma è condotto da David Dimbleby (un superpresentatore) e ospita ogni giovedì esponenti della stampa e della politica, che devono rispondere alle domande del pubblico  (spesso inaspettate) riguardo agli eventi dell’ultima settimana. I miei professori ci hanno divisi in gruppi (blu, bianco, ecc, sembra di essere ad Amici di Maria de Filippi) e ci faranno registrare una puntata di Question Time made in City University London. Abbiamo il nostro studio televisivo, ed è stato una figata assurda provare la prima puntata! Io ho chiesto di fare la presentatrice ed è stato davvero divertente, anche se per l’occasione non avevo gli schermi con le cose da dire, come sarà quando registreremo. Ogni tanto mi dimenticavo cosa dire, ma aprire il programma dicendo “Welcome to Question Time at City University of London, this is Carolina Are and here is my panel… ” non ha prezzo!Il bello è che è uno studio vero, con tanto di sedie per il pubblico e sala audio, telecamere robotiche ecc.

Nel frattempo, sto anche facendo progressi col mio francese (verbi irregolari! YEEEE!!!) e iniziando a scrivere i primi articoli: ci hanno “commissionato” una storia su Halloween o Bonfire Night (la notte del 5 novembre, in cui ci sono i fuochi d’artificio per celebrare il fallimento di Guy Fawkes nel far saltare in aria il parlamento). Siamo tutti piuttosto preoccupati perché è il primo “assignment” e non siamo ancora sicuri se quello che scriviamo sia “news” oppure no. Qui la gente già si maschera: ho visto zombie e sangue dappertutto.  Nel frattempo Lorenzo Petrilli, un amico blogger, mi ha chiesto di scrivere un articolo sulla liberazione di Amanda Knox, che anche qui ovviamente ha fatto scalpore. Lo trovate sul suo blog. Continua a leggere