Archivi tag: Lavoro

Goodbye London’s Calling!

Cari lettori, sono tornata dall’America e sono in vena di cambiamenti: ho deciso di chiudere London’s Calling – Londra Chiama e dedicarmi ad un altro blog. Leggete qui perché.

IMG_6948Se mi avete seguita su Couchsurfin’ USA, avrete visto che mi sono divertita un mondo e che andare in America con questa tecnica è stata una delle decisioni migliori che abbia mai preso.

Ora, tornata a Londra, mi rendo conto che questo è un blog universitario: certo, ci sono recensioni, ma la maggior parte di voi vuole sapere come far domanda all’università in Inghilterra.

Le procedure per far domanda all’università, i costi, i prestiti sono cambiati negli ultimi anni. In più mi rendo conto di non riuscire più a rispondere a tutte le vostre domande specifiche sull’application all’università: non mi ricordo quasi più tutti i dettagli(sarà la vecchiaia)!

Visto che mi sento di non potervi aiutare in questo frangente, ho deciso di dedicarmi a qualcosa che so fare meglio e che mi piace di più: recensioni di eventi, ristoranti, bar, viaggi. Lo farò su Couchsurfer Reviews, un sito bilingue (italiano e inglese), una sorta di Couchsurfin’USA + London’s Calling 2.0, che spero seguiate.

Auguratemi buona fortuna, keep travelling and keep following me!

Cheers,

Carolina

Cose londinesi “random”, bar metallari e Kensington

Ladies and gentlemen, la mia prima settimana londinese del 2012 è passata. Non è stato difficile ri-ambientarsi: una volta rivisti tutti i miei amici mi sono sentita subito a casa.Ovviamente non sono rimasta senza cose da fare: in questi giorni son dovuta andare dal dottore (strano, eh?); ho cercato casa per il prossimo anno (invano, i prezzi sono altissimi! Io e le mie amiche dovremo darci da fare); ho trovato lavoro. EBBENE SI!!! Ho trovato la mia prima settimana di Work Experience (prevista dal mio corso) presso la Islington Gazette, il giornale del mio quartiere. Un urrà per me!

Nel frattempo mi son di nuovo goduta le possibilità che una città fantastica come Londra offre. A volte si tratta di cose proprio assurde, tipo quelle che abbiamo visto giovedì. Infatti giovedì sera, mentre passeggiavo lungo il Tamigi con un amico, vedo una specie di container rosa. Dentro c’era un salottino simile a quello di una baita, con una piccola cucina, un divano, un fuoco finto e una finta vista delle Alpi. Quando chiediamo a chi sta fuori che cosa mai sia quel container ci rispondono: “L’Evian Lounge”. Per chi non lo sapesse (visto che in Italia non ce l’abbiamo), l’Evian è una buonissima (e costosissima) acqua francese che si trova anche qui nel Regno Unito. L’Evian Lounge (oltre a far pubblicità alla marca) era mirata a far passare a chi ci entrava un’esperienza pura, disintossicante, con aria pura e cibi organici. Bisognava aver prenotato o vinto i biglietti, ma siccome molti vincitori non si erano presentati, chi si occupava di tutto ci ha fatti entrare. All’inizio ci sentivamo un po’ strani: ci hanno fatto chiudere gli occhi e immaginare di essere sulle montagne. La tipa inizia a parlare dicendo: “Immaginate di avere una vista di 365 gradi (Ehm ehm… quelli sarebbero i giorni dell’anno… ) delle Alpi”, al che è stata dura non ridere. Poi però è arrivato il bello: ci hanno offerto una serie di cose buonissime, tutte gratis. Prima di tutto una meringa al tè verde, poi un drink al licis con tanto di lecca lecca, un marshmallow e una buonissima cioccolata bianca calda. Abbiamo fatto bene ad andarci!!! Continua a leggere