Archivi tag: Primrose Hill

Escursioni e trasferimenti a Londra con Tourismabout

Attenzione: questo è un articolo promozionale, non un normale blog post/articolo

Tourismabout, un sito web che offre servizi di trasferimento in auto a Londra, ha ora ideato una serie di escursioni abbinabili al trasporto.

www.tourismabout.com

Ecco cosa propone:

1. Londra Classica: Tower Bridge, The Strand, Buckingham Palace, Trafalgar Square,Oxford Circus, Chelsea.

2. Parchi e Ville – Londra vista dai suoi grandi parchi e colline: Hampstead Heath, St, John’s Wood, Primrose Hill, Regent’s Park, Alexandra Park, Kenwood House, Hyde Park.

3. Escursioni in musica: Muswell Hill e Jimi Hendrix, i Pink Floyd e la zona del Nord-Est di Londra. La famosa Abbey Road dei Beatles, i luoghi vissuti da Eric Clapton ed i Cream, la Royal Albert Hall.

Ogni escursione può essere abbinata ai trasferimenti in aeroporto aggiungendo £40. E’ possibile prenotare anche solo le escursioni, senza trasferimento, il cui costo verrà pubblicato nell’area prezzi.

Per sapere di più su Tourismabout, cliccate qui.

Il 5 Novembre: Londra e Bonfire Night

Ricorda per sempre il 5 Novembre e la congiura delle polveri al Parlamento. Non vedo perché, di questo complotto, nel tempo il ricordo andrebbe interrotto“.

O meglio:

Remember, Remember, the 5th of November, the Gunpowder Treason and Plot.I know of no reason why the Gunpowder Treason should ever be forgot.

Con queste parole si apre il film V Per Vendetta, dandoci uno “sneak-peek” su una delle più celebri festività inglesi: Il 5 Novembre, Bonfire Night. Ma che cosa c’è dietro la maschera di Guy Fawkes?

Continua a leggere

Cos’è andato storto a Camden

Un tempo, Camden era l’oasi della Londra alternativa. Adesso è una trappola per turisti: andate a Camden e potrete andare avanti tranquillamente parlando italiano.

Cosa è andato storto? Immagino che sia quello che succede in tutte le città: quando una scena smette di essere creativa diventa storica, una meta per turisti che del suo passato ne sanno ben poco . Ecco perché nell’ex hot-spot per metallari ho trovato questa borsa:

La cosa positiva è che, nonostante la marmaglia, è ancora piacevole passare un pomeriggio simil-estivo post-British Summertime a Camden. Continua a leggere

Lectures, litigi e Primrose Hill

Oh my God, sono qui già da un mese. Sto talmente bene che il tempo sta passando troppo in fretta!

Ovviamente anche questa settimana non poteva non essere densa di avvenimenti. Dopo un lungo lunedì fatto di Question Time e di GRAMMATICA INGLESE ( una delle mie insegnanti è fissata), è arrivato un martedì piuttosto pieno.

Dopo la già citata lezione di Introduction to British Media, finalmente ho avuto la possibilità di provare scherma. Era il mio sogno da sempre, ed ora ho scoperto che l’università offre un corso per 25£ l’anno! E’ stato fantastico combattere contro le amiche (anche se avevamo talmente paura di far male all’altra che non siamo state troppo aggressive). L’unico neo è stato il dover mettere delle enormi tette di plastica per coprire il petto da eventuali colpi. Ovviamente a me hanno dato le più grandi e orrende. Imbarazzante…

Sia martedì che mercoledì ho potuto assistere a delle lectures, ossia un qualcosa a metà tra un discorso e una lezione, da parte di personaggi di spicco del giornalismo di questo paese: prima Heather Brooke, che ha scoperto quanto spendono i ministri, e poi la Baronessa Buscombe, a capo della Press Complaints Commission (PCC), che si occupa di mantenere la giusta etica nei media inglesi. Noi studenti di giornalismo siamo praticamente obbligati a cogliere queste occasioni al volo. Solo che molto spesso diventano una vera e propria guerra tra chi parla e chi ascolta: queste persone hanno il terrore di essere fraintese e mal citate. Per esempio, mentre parlava la Baronessa, un giornalista del Guardian , che aveva frainteso le sue parole, ha scritto tutto su Twitter. In seguito a una domanda del giornalista la Baronessa si è accorta di tutto e si sono aperti una serie di dibattiti che avevamo difficoltà a seguire. Non riesco più a contare quante volte i due si sono punzecchiati. Per non parlare di Heather Brooke, che sta ancora litigando su Twitter con un mio compagno. Continua a leggere