Archivi tag: Università

Giornalismo alla City University di Londra: le materie del terzo anno

Con un po’ di ritardo, ecco qualche informazione su cosa possono aspettarsi gli studenti del terzo anno dal corso di Giornalismo alla City University di Londra. DSC00921 Continua a leggere

Gli studenti di giornalismo protestano per esame rimosso dal programma

Pensavate che l’Inghilterra fosse tutta file e buona organizzazione? Ci sono sempre le eccezioni. Gli studenti del  BA Journalism alla City University protestano dopo che un esame è stato rimosso dai loro voti finali.

Continua a leggere

BA Journalism alla City University: secondo trimestre, secondo anno

Dear readers, il secondo trimestre del mio secondo anno di BA Journalism alla City University è passato in un attimo ed eccomi di nuovo in Italia a studiare per gli esami.DSC00921

Pensavo di potermela prendere più comoda in questo secondo trimestre, ma mi sbagliavo: pur avendo lezione solo due volte a settimana, il lavoro da fare a casa è stato parecchio. Quest’anno, noi second-year students siamo stati le “cavie” di due nuove materie: la versione 2.0 di Multimedia Production e Data Journalism. Continua a leggere

Una notte al museo per i 10 anni di Cass Business School

Il dipartimento di economia della mia università, Cass Business School, ha celebrato i suoi 10 anni con una festa al Museo di Scienze di South Kensington, trasformato per l’occasione in una discoteca. Non potevamo non inflitrarci!IMG_3210 Continua a leggere

In chiusura: ultima settimana di lavoro alla Press Gazette sotto la neve di Londra

La mia ultima settimana di tirocinio alla rivista Press Gazette  finisce oggi, dopo una bella passeggiata in una Londra innevata. 705607_322571094515492_1880105211_o Continua a leggere

Hackney e Victoria Park: Innamorarsi di East London

E’ giunto un altro weekend londinese, una delle poche occasioni in cui posso dimenticare l’università (che mi sta impegnando molto di più dell’anno scorso) e tutti i stressanti extra della vita di città.  Perciò quale modo migliore di passare un (raro) sabato non piovoso se non passeggiando per Hackney e Victoria Park? Continua a leggere

Ultime notizie

Cari amici anglofili, niente paura: non ho ancora abbandonato il Regno Unito. Anzi, a dir la verità, sto passando la mia ultima settimana a casa. L’8 settembre sarò già in terra londinese. Ma eccovi qualche mia notizia, nel caso pensaste che mi fossi già arresa.

In questi bei mesi di caldo infernale, non mi sono soltanto limitata a leggere in spiaggia trilogie erotiche a dir poco ridicole e a farmi una gran bella vacanza a Cipro, ospite di una delle mie compagne. Mi sono anche messa al lavoro per HerUni.com, il sito di cui sono redattrice,  e per AIESEC City, il cui sito ora è bello che pronto: www.aieseccity.com. Continua a leggere

Primo anno di università a Londra: tiriamo le somme

A Settembre dell’anno scorso sembrava impossibile, ma eccomi qua ad Aprile, pronta a tirare le somme del mio primo anno d’università alla City University di Londra. Tutti e due i term ( trimestri) sono finiti ed eccomi qui, di nuovo a Olbia, a preparare gli esami. Ma ne è valsa la pena?

Iniziamo col lato più “noioso”, quello accademico. E’ difficile lamentarsi del BA Journalism della City University: le materie sono tutte molto interessanti e abbastanza facili da studiare (anche se spero che il risultato degli esami non mi smentisca). Credo che, per chi ha l’istruzione italiana come base, sia facilissimo studiare in una facoltà del genere: tutto è molto pratico e se sei abituato a studiare e a parlare è facile ricordare e tenere conto delle cose più importanti. E’ quasi un sollievo non dover passare troppo tempo sulla teoria! Continua a leggere

Un’altra settimana andata fra cupcakes, Portobello Market e ALTRE cupcakes

Hello everyone! Ed eccoci ad un’altra freddissima domenica. Qui a Londra è arrivato il gelo invernale. Oggi mentre tornavo a casa quasi mi venivano i geloni alle mani. Faticavo  pure a parlare perché avevo la bocca gelata.

Ma passiamo quest’ultima, intensa settimana. Dopo il training delle Olimpiadi non vedevo davvero l’ora di rilassarmi, ma martedì i nostri professori ci hanno messi alla prova dalla mattina alla sera. La mattina abbiamo avuto l’ultima lecture di Media Law. Il test è mercoledì e siamo tutti abbastanza tesi: è interessante ma molto specifica. Un’ora dopo è venuto a trovarci un ex alunno della City, ora giornalista della BBC, Mark Worthington. Ci ha parlato del futuro della sua azienda e ha risposto alle nostre domande. La sfida più grande però è stata martedì sera, con una delle tanto odiate conferenze serali: questa era sul nucleare, ma si è finito a parlare più che altro di come iniziare a lavorare nell’ambito del giornalismo ambientale. E’ stato piuttosto strano per me vedere una serie di giornalisti informati, professionali e anche piuttosto “left-wing” definire il nucleare come l’ultima speranza contro il riscaldamento globale.

Il giorno dopo abbiamo dovuto scrivere un articolo sulla conferenza, e qui sono arrivati i nostri primi conflitti coi professori. Infatti,nonostante si sia praticamente parlato soltanto delle vie che ci possono portare a lavorare nel giornalismo ambientale, loro volevano che scrivessimo qualcosa sull’ambiente (ossia su 15 minuti di conferenza). Alla fine l’articolo l’abbiamo scritto, speriamo solo che in futuro siano più chiari dall’inizio. In ogni caso era mercoledì, il che significa WEEKEND! Perciò ci siamo tutti rintanati nell’appartamento della mia amica Penny e abbiamo giocato a “Obbligo o verità” in un appartamento vicino, in onore della festeggiata del giorno, la nostra compagna neo-ventenne Emmeline. Qui il gioco  prende pieghe piuttosto strane, soprattutto considerando che ci danno dentro con l’alcool: una ragazza si è dovuta praticamente spogliare, due miei amici si son passati un acino d’uva con la lingua ( non erano molto contenti!) e una serie di altre cose piuttosto sconce. Io fortunatamente ho solo dovuto fare uno scherzo telefonico col cellulare di un amico: ovviamente ho chiamato un tizio dicendogli che l’amico in questione era gay e che ci voleva provare con la vittima dello scherzo. Infantile, ma divertente!

E poi giovedì sono iniziati gli attentati alla mia linea. Visto che avevo promesso alla mia coinquilina che avremmo cucinato insieme, ci siamo messe a fare cupcakes. Non avrei mai pensato però che sta volta mi uscissero così bene! Qui il reparto “baking” di Sainsbury’s è immenso: abbiamo trovato ogni tipo di decorazioni, dalle stelline di cioccolato bianco ai mini marshmallows, dalla glassa al cioccolato alle praline. Le abbiamo fatte al cocco e al cioccolato. E’ stata dura non mangiarsele tutte: fortunatamente amici e amiche mi hanno aiutata, per non parlare della mia coinquilina, che se le è mangiate quasi tutte.

Continua a leggere